logo

Didattica della Facoltà Teologica dell'Italia Settentrionale

Anno Accademico 2020/2021

Schede ECTS

 
Centro Studi di Spiritualità
CSS Centro Studi di Spiritualità  
 
Letteratura e spiritualità
Codice del Corso
CSS-20.4
Corso Integrato
Letteratura e spiritualità
Docenti
Maier Roberto
Anno di corso
Semestre
ECTS
3
Ore
24
Lingua in cui viene erogato il corso
Italiano
Modalità di erogazione del corso
Convenzionale
Tipologia di insegnamento
OBBLIGATORIO
Tipo Esame
Prova Orale
Metodo di Insegnamento
Didattica formale/lezioni frontali
Obiettivo

Obiettivo del corso è fornire gli strumenti per svolgere una riflessione teologica critica sull’esperienza umana del narrare alla luce della rivelazione cristiana. Essi potranno riconoscere e pensare i legami tra la spiritualità e la narrazione, nonostante la loro apparente estraneità. In particolare, di fronte alla forma letteraria del romanzo (e alla sua evoluzione storica), gli studenti sono invitati ad acquisire competenza interpretativa e ad illustrare, con intelligenza teologica, la dinamica narrativa nelle sue diverse intonazioni storiche e i suoi nessi con l’esperienza spirituale.

Programma

Il corso intende mostrare la pertinenza della narrazione all’interno dell’esperienza spirituale, proponendo un approccio teologico al tema. Sebbene l’esperienza della fede sia l’incontro con la persona di Gesù Cristo, tale incontro si illumina sempre nella sua narrazione, sin da quando — dopo la Resurrezione — i primi discepoli sono invitati a ripensare da capo la loro storia con il Signore. Per loro, come per noi, la memoria Jesu è il luogo proprio dell’atto di fede.

D’altro canto, la forma compiuta della narrazione, nell’occidente moderno, è il romanzo. Sotto l’apparente (ed esplicita) estraneità tra questo e i testi cristiani, si cela una continuità sorprendente, non appena si provi ad indagare a fondo il rapporto tra l’esperienza spirituale e la storia della cultura. Attraverso le tappe fondamentali con cui si è costruito il canone occidentale è possibile leggere come in filigrana i guadagni linguistici e simbolici dell’esperienza spirituale cristiana, che per secoli ne ha accompagnato l’evoluzione.

Il corso è costituito di due parti, ciascuna con un’intenzione e una metodologia differente.

(1)       Nella parte – di carattere più sistematico – si intende chiarire l’importanza della narrazione all’interno dell’esperienza di fede cristiana. Muovendo dal paradigma biblico e dalla normatività della narrazione evangelica della storia di Gesù, ma anche attraverso l’esemplarità di alcuni testi spirituali, si metterà in luce la dinamica narrativa, nel suo singolare rifiuto sia dalla pretesa cronacistica che della pura speculazione intellettuale.

(2)       La seconda parte sarà il tentativo di individuare alcune tappe fondamentali della nascita del romanzo in occidente. Dalle confessioni al romanzo cortese, dalla grande stagione del teatro barocco, sino al frutto maturo del romanzo dell’Ottocento e alla sua dissoluzione novecentesca. Il percorso non è semplicemente storico-letterario: si intenderà, piuttosto, indagare i legami tra i diversi paradigmi narrativi e l’esperienza spirituale, affinché possano vicendevolmente illuminarsi. 

Avvertenze

Il corso si svolge attraverso 24 ore di lezioni frontali, che prevedono spazi di domande e di riflessioni da parte degli studenti. La valutazione avverrà attraverso un esame orale diviso in due parti: una ripresa degli argomenti trattati, per la valutazione delle conoscenze e l’interpretazione di un testo narrativo tra quelli proposti o di un romanzo scelto dallo studente (previo accordo con il docente).  

Bibliografia

R. Barthes, La preparazione del romanzo. Corsi (I e II) e seminari al Collège de France, Vol I, Mimesis, Milano 2010; H. Bloom, Il canone occidentale. I libri e le scuole delle età, BUR, Milano 2008; C. Campo, Gli imperdonabili, Adelphi, Milano 1987; R. Maier, Il fondo delle parole. Poesia ed esperienza spirituale, EDB, Bologna 2019; S. Petrosino, Contro la cultura. La letteratura, per fortuna, Vita e Pensiero, Milano 2018; J-P. Sonnet, Generare è narrare, Vita e Pensiero, Milano 2014.